I 5 errori nella lubrificazione della catena

35

Qui da Bike Lab vediamo arrivare bici con catene in ogni condizione: da quella con un centimetro di morchia a quella così secca che a malapena si piega. Vediamo gli errori da non fare nella lubrificazione della catena.

Olio sbagliato

Esistono diversi olii a seconda delle condizioni in cui si pedali. Abbiamo così un olio da asciutto, ideale per le giornate secche e polverose, perché evita che lo sporco vada ad incollarsi alla catena creando uno strato abrasivo che andrà a consumare la nostra trasmissione più velocemente.

Esiste poi un olio da bagnato, molto più persistente di quello da asciutto, che non viene lavato via dalla pioggia o dal bagnato proveniente dal terreno. È l’ideale quando si gira in posti con tanti guadi o dopo (e durante) che è piovuto.

Infine ci sono le cere che tengono la catena sempre pulita ma che richiedono una manutenzione più maniacale della catena, perché questa deve venire sgrassata per la prima applicazione e richiede che si asciughi prima dell’uso. Vi rimando all’articolo a riguardo.

Min. 0:34 del video.

Troppo olio

Per evitare che lo sporco vada ad attaccarsi la catena, oltre ad usare l’olio giusto, il mio consiglio è quello di evitare gli eccessi di olio. Servirà dunque applicare una goccia per ogni rullino della catena e successivamente passare un panno per eliminare la quantità in eccesso.

Min. 1:49 del video

Troppo poco olio

Quante volte sono arrivate qui in officina bici con catene così secche che cigolavano e che a momenti non si piegavano? Troppe. Oliare la catena è una cosa che si deve fare ad ogni uscita, se si usano lubrificanti per condizioni secche, o ogni 2-3 uscite se si usano quelli da bagnato.

Min. 2:48 del video

Oliare una catena sporca

Chiaro, se la catena deve essere lubrificata e noi siamo in giro, va bene mettere l’olio su una catena sporca, però tenete presente che lubrificare una catena con su la morchia crea un bel pastone abrasivo che si mangerà con gioia la vostra trasmissione.

Quindi, pulite la catena quando lavate la bici. Qui trovate come fare.

Min. 3:32 del video

Usare una cera senza sgrassare prima la catena

Come accennato sopra, l’applicazione della cera prevede lo sgrassaggio completo della catena, altrimenti non si hanno i benefici di questo tipo di lubrificazione. Munitevi di acquaragia, smontate la catena e pulitela accuratamente. Fatela asciugare e solo dopo questo processo applicate la cera.

Min. 4:31 del video

Avete visto altri errori nella lubrificazione della catena? Postateli nei commenti!

Commenti

  1. Riguardo alla pulizia della catena nel video parla di pulire e oliare ogni uscita o ogni due.
    Ogni volta che pulire la catena la lavate o date una semplice spazzolata a secco?
    Riguardo alla cera la spazzola tira a secco può ridurre la cera a lato dei nottolini?
  2. BikesOne:

    Nel mio caso sono tranquillo dal momento che la catena avrà fatto si e no 800/1k km.... Poi non so, mi auguro che non sia già da cambiare.
    E tu cambiala, sono i km giusti per iniziare il giro delle 3 catene a 800km :innocent:
    Se non conosci il giochetto è presto spiegato: partendo dal tutto nuovo (inteso come trittico trasmissione composto da catena corona e pacco pignoni) dopo 800 km cambi la catena, ovviamente la prima non la butti ma la pulisci bene e la metti da parte, poi dopo 800 km della seconda catena cambi anche quella e fai la stessa cosa, dopo altri 800 km fai la stessa cosa per l'ultima volta e metti la terza catena nuova; dopo che anche quest'ultima ha fatto i suoi 800 km ricominci dall'inizio e rifai lo stesso giro per tutte rifacendo con ognuna i soliti 800 km; dopo aver completato il secondo giro dovresti aver fatto circa 4800km, a quel punto devi valutare tu, in base al consumo, se puoi ancora fare un ulteriore giro di 2/300 km a testa oppure cambiare tutto.
    Tieni conto che per qualcuno 800 km sono tanti per altri pochissimi, questo giochino non è detto vada bene per tutti.
    Cosi facendo il consumo del trittico trasmissione risulta più omogeneo e non si corre il rischio che mettendo una catena nuova con il resto già abbastanza macinato questa "salti".
    Forse è una cosa un pò da maniaci, io la sto provando per la prima volta e sono quasi alla fine della terza catena e quindi non so ancora dire quanto mi durerà il tutto.
    Dimenticavo, anch'io fan della cera, grazie al forum ho scoperto lo squirt qualche anno fa e non tornerei all'olio manco sotto tortura. Il più è avere pazienza la prima volta quando si tratta di sgrassare tutti i componenti della trasmissione (rotelle del cambio comprese), poi tutto fila liscio come l'o....la cera!!!:cool:
  3. Spacepadrino:

    Ma se a 800 km ho la catena allungata di una maglia e mezza, rispetto al suo corrispettivo nuovo, alla fine del "giro" avrò comunque sempre tre catene allungate, perchè dovrei rimontarle nuovamente?
    Sostituire una catena basandosi solo sui km secondo me è un errore, l'utilizzo di una calibro di riscontro è sempre consigliato.
    Ovviamente si, lo strumento per misurare l'allungamento è d'obbligo.
    Se tu a 800 km hai già la catena da cambiare evidentemente il "giro" dovresti farlo a 2/300 km ma non avrebbe senso, troppo sbattimento.
    Il "giro" delle tre catene, leggevo, è adatto a chi mediamente con una catena fa almeno 1500 km, di meno come dicevo prima ha poco senso.
    Io solitamente con una catena ci faccio circa 2000km, ma la tengo superpulita e non giro praticamente mai nel fango/neve/, tuttalpiù qualche volta nell'umido, e come detto uso la cera.
Articolo successivo

I vantaggi dei pedali flat

Articolo precedente

Catena splendente con una macchina ad ultrasuoni da 45€

Gli ultimi articoli in Tech Corner

Mullet fai da te?

Ha senso trasfomare una bici con ruote da 29 o 27.5″ pollici in mullet, malgrado il…