[Test] Specialized Kenevo Expert 2020

[Test] Specialized Kenevo Expert 2020

01/10/2019
Whatsapp
01/10/2019

Abbiamo potuto provare la nuova Specialized Kenevo per circa un mese, e possiamo dire con certezza che è una bici incredibile. Con 1 kg in meno sul telaio rispetto al modello precedente, e con una sospensione ridisegnata, la Kenevo è pensata per andare forte. Nel video qui sotto potete vederla in azione mentre la provo, più sotto trovate il test.

YouTube video

Specifiche

  • Telaio completamente in alluminio
  • Passaggio cavi interno
  • Batteria da 700Wh (Kenevo Comp 500Wh)
  • Compatibile con gomme larghe fino a  27.5×3.0″
  • Motore Specialized 2.1 Motor (lo stesso della Levo)
  • Connessione Bluetooth con Mission App
  • 180mm di escursione anteriore e posteriore
  • Trasmissione GX 11 speed
  • Peso: 24.15 kg con pedali
  • Prezzi: Expert – 6,699€. Comp – 5.299€

 

Il telaio ha le stesse linee della Stumpjumper, ma le geometrie ricordano quelle della nuova Enduro, quindi sono più aperte, lunghe e con un carro progressivo. Il braccio asimmetrico nasconde bene il passaggio cavi.

Il cockpit di casa Specialized si è rivelato più che sufficiente in termini di riding (anche se ho cambiato le manopole). Il manubrio da 800mm e il direct mount conferiscono un look pulito.

Cura dei dettagli: paracatena, guidacatena e portaborraccia SWAT con multitool.

Il passaggio dei cavi dà un look pulito al telaio.

Trasmissione SRAM 11v GX, con manettino che può cambiare al massimo una marcia alla volta, per evitare di sollecitare troppo la catena.

Cerchi in alluminio Roval DH alloy con mozzi DT Swiss 370. Robusti e resistenti all’utilizzo di una ebike del genere.

Le gomme sono le Specialized Butcher 2.6 BLCK DMND, con carcassa rinforzata. Volendo ce ne stanno anche di più larghe. Malgrado siano gomme morbide, la sensazione di rimbalzo dei tasselli mi è sembrata accentuata.

Freni SRAM Code R con dischi da 200mm. Nessuna ebike dovrebbe avere dischi di diametro minore a questo!

Il tubo obliquo che ospita la batteria, meno largo del precedente. La batteria può venire rimossa per ricaricarla in casa, se ce ne fosse bisogno, e ha un range del 40% maggiore rispetto alla vecchia Kenevo (Expert).

La copertura della presa per la carica della batteria si chiude facilmente grazie a dei magneti. Sullo sfondo potete vedere anche i LED che indicano il livello di carica.

Una Rock Shox Boxxer a doppia piastra? Con il motore potente della nuova Kenevo il peso non è un problema. Notare i 10 PSI in più che RS consiglia per le ebike.

Ammortizzatore a molla Rock Shox Super Deluxe con leva di lockout, che a dir la verità non ho mai usato. Non ho mai fatto fondocorsa, e la sospensione è alta nella corsa.

Il Battery Management System (BMS) si prende carico della salute della batteria ed evita che venga sovraccaricata. Attraverso la connessione Bluetooth ci si può connettere alla Mission App per diagnostiche e regolazioni della batteria, come la nuova funzione Shuttle, che dà il massimo supporto motore per risalite impegnative.

Geometria

La bici in test è una taglia S3, che poi sarebbe una media. Visto l’uso per cui è stata progettata la Kenevo, il reach di 470mm è più lungo di quello che ci si aspetterebbe. Il manubrio comunque non è così lontano dalla sella, probabilmente grazie all’angolo sella di ben 77°. L’angolo sterzo di 64° è certamente aggressivo e aiuta molto sul ripido e sul veloce. Ero curioso di vedere che effetti avesse in salita, lo potete leggere più sotto. I foderi di 454mm non sono corti come quelli di altre ebike, ma questa non è una bici giocosa, piuttosto una DH con pedalata assistita, quindi meglio avere la stabilità sul tecnico che la giocosità su sentieri facili.

In azione

Il nuovo motore 2.1 (molto silenzioso) è stato sviluppato insieme a Brose, mentre il software è tutto di casa Specialized che ha investito anni lavorando sul feeling fra motore e rider. I livelli di assistenza di fabbrica, in combinazione con la geometria “aperta”, rendono la Kenevo un’arrampicatrice migliore di quello che pensassi. Pur con la Boxxer 180, sono riuscito a fare in sella curve strette. La sensazione è quella di una bici che dà tanta stabilità, ad ogni velocità. I livelli di assistenza sono modificabili tramite la Mission Control App, questi sono quelli di fabbrica:

Turbo: 100% (Support) / 100% (Peak Power)

Trail: 35% / 100%

Eco: 35% / 35%

Sono proprio i livelli di assistenza di fabbrica quelli che ho trovato migliori per me, a cominciare dal Turbo per le salite più ripide (o quando le gambe erano stanche). Il Trail è una buona via di mezzo che ho trovato buona soprattutto in discesa. Ovviamente l’Eco è indispensabile per giri lunghi o quando la batteria è quasi scarica. Devo anche dire che la modalità camminata è la migliore che io abbia mai provato perché aiuta veramente a spingere la bici su per dei tratti ripidi e non va a scatti come su altri motori.

Il terreno preferito dalla Kenevo è il ripido, perché la geometria bassa e aperta permette una posizione di riding molto controllata anche quando le cose diventano difficili. La sospensione, pur ricordando quella della Stumpjumper, è dotata di una progressività che quella bici non ha, fondamentale per quando si gira grosso. Con l’aiuto del motore spesso è facile non notare come si comporta veramente il mezzo. Tenendo questo a mente, ho notato che la Kenevo è poco reattiva ai movimenti del corpo piccoli e repentini, in particolare se il terreno è piatto o poco ripido. Detto questo, teniamo a mente l’uso per cui è stata progettata, che va ben oltre il trail riding “tranquillo”.

Con i 10 psi in più nella forcella e una molla adatta al mio peso non ho mai fatto fondocorsa. La Kenevo è stabile in aria e mantiene bene l’impulso che le si dà in fase di stacco, cosa riguardevole per una bici di questo peso.

Portarla in curva è facile, la bici è ben bilanciata. La Kenevo ha un centro di gravità basso ed è stata progettata attorno a questa caratteristica, anche per quanto riguarda la posizione di ogni cella della batteria. Il posteriore tiene la linea bene e allo stesso tempo è un attimo dargli un impulso per cambiare traiettoria.

Conclusioni

La Kenevo ispira sicurezza? Sì. È stabile in aria? Sì. È facile tenere il controllo sul sentiero più ripido e scassato che ci sia? Sì. Detto questo, il classico sentiero mediamente tecnico diventerà velocemente noioso. Questa ebike è stata progettata per la discesa e, sotto questo punto di vista, è una vera bestia e un mezzo eccellente. Se cercate una ebike per girare su sentieri cattivi, questa è la bici che fa per voi.

Specialized

61
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
51 Comment threads
10 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
25 Comment authors
Lducams4rMax PowerBikelorenzom Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Notificami
steka
Guest
steka

1 Kg in meno della precedente, con doppia piastra e batteria da 700?

velocipede
Guest
velocipede
Primo in apertura di video ci andrebbe un bel E-Bike Mag e non Mtb Mag, secondo sicuri che quella salita al min 1:17 era percorribile in quel senso?
Per il resto buona recensione
e-runza70
Guest
e-runza70
Be simile alla mia Haibike del 2017 unico plus in questo caso la batteria da 700 il resto…..
La mia pesa 24kg, 200mm di escursione, 63° inclinazione, Saint e cerchi durevoli.
Bike
Guest
Bike
hai detto nulla
U
Guest
ustef_it
Sinceramente con la mia vecchia kenevo con la fox da 180 non ho mai sentito la necessità della doppia piastra anche su drop alti, non ho ben capito poi a che serve la doppia piastra se rimane con 180 di travel.
Inoltre sarebbe bello capire come riesce a voltare rispetto la vecchia versione che soffriva molto una guida senza caricare anteriore.
lorenzom
Guest
lorenzom

Io la pensavo esattamente come te, a cosa servirà una doppia piastra quando già abbiamo forcelle belle robuste con steli da 36??
e invece mi sono ricreduto.. a rimini in fiera ho provato la cannondale moterra nuova con forcella a doppia piastra ed è una spanna sopra ogni altra ebike che ho mai provato, funzionamento e precisione nettamente superiore, tutto mi riusciva molto più facile e meno stancante rispetto alle altre bici (e per altre bici parlo ad esempio di Giant reign, o fantic, thok ducati.. tutte bici da almeno 7000 euro..)

lorenzom
Guest
lorenzom
Io la pensavo esattamente come te, a cosa servirà una doppia piastra quando già abbiamo forcelle belle robuste con steli da 36??
e invece mi sono ricreduto.. a rimini in fiera ho provato la cannondale moterra nuova con forcella a doppia piastra ed è una spanna sopra ogni altra ebike che ho mai provato, funzionamento e precisione nettamente superiore, tutto mi riusciva molto più facile e meno stancante rispetto alle altre bici (e per altre bici parlo ad esempio di Giant reign, o fantic, thok ducati.. tutte bici da almeno 7000 euro..)
albeoi
Member
albeoi
Con la doppia piastra se uno volesse usarla anche per giri allmountain la vedo dura, a questo punto meglio la versione comp. Mi lasciano perplesso i freni e la batteria da 500. Il telescopico ha ancora la simpaticissima sella arretrata? Tra una fantic 160 o 180 e la comp cosa scegliereste?
monster74
Guest
monster74

Io ho scelto fantic 180 e ne sono stracontento!

Bike
Guest
Bike
kenevo a mani basse
vicma56
Guest
vicma56
Be simile alla mia Haibike del 2017 unico plus in questo caso la batteria da 700 il resto…..
La mia pesa 24kg, 200mm di escursione, 63° inclinazione, Saint e cerchi durevoli.

Adesso scopriamo che le ebike con doppia piastra vanno bene in salita …quando lo dissi io nel 2016 mi presero tutti per il culo.

Rick
Guest
Rick
Adesso scopriamo che le ebike con doppia piastra vanno bene in salita …quando lo dissi io nel 2016 mi presero tutti per il culo.

Vai Mario che ti sta aspettando:p

vicma56
Guest
vicma56

albeoi ha scritto: Con la doppia piastra se uno volesse usarla anche per giri allmountain la vedo dura, a questo punto meglio la versione comp. Mi lasciano perplesso i freni e la batteria da 500. Il telescopico ha ancora la simpaticissima sella arretrata? Tra una fantic 160 o 180 e la comp cosa scegliereste? Clicca per allargare… Con la doppia piastra o Dh fai tutto quello che riesci a fare con le altre…solo che le altre non riescono a fare quello che riesci a fare con una doppia piastra. Il mio amico Masserini diceva: con un Endurona se ci metti… Read more »

vicma56
Guest
vicma56

lorenzom ha scritto: Io la pensavo esattamente come te, a cosa servirà una doppia piastra quando già abbiamo forcelle belle robuste con steli da 36?? e invece mi sono ricreduto.. a rimini in fiera ho provato la cannondale moterra nuova con forcella a doppia piastra ed è una spanna sopra ogni altra ebike che ho mai provato, funzionamento e precisione nettamente superiore, tutto mi riusciva molto più facile e meno stancante rispetto alle altre bici (e per altre bici parlo ad esempio di Giant reign, o fantic, thok ducati.. tutte bici da almeno 7000 euro..) Clicca per allargare… La differenza… Read more »

1 2 3 6