Olympia Karbo 130° Anniversario

25

Olympia presenta un’edizione speciale della Karbo (qui il nostro test) limitata a 130 esemplari. Il numero non è casuale, ma indica l’anniversario dell’azienda.

[Comunicato stampa] Correva l’anno 1893 quando a Milano Carlo Borghi fondava Olympia, un nome destinato a rimanere nel Dna del ciclismo italiano. Dopo i fasti sportivi della prima metà del secolo scorso, negli anni ’60 il marchio fu rilevato dalla famiglia Fontana e la produzione trasferita a Piove di Sacco, dove si trova tuttora.

A distanza di 130 anni Olympia è ancora un nome di riferimento dell’industria ciclistica italiana, una realtà legata alla propria tradizione ma costantemente proiettata verso nuovi concetti costruttivi e nuove tecnologie, tenendo fede allo stile italiano e senza mai smarrire la voglia di essere originali e creativi. Sono i valori guida di un’azienda che ha dalla sua parte un impegno pluridecennale nell’Mtb agonistica e che è stata fra le prime ad investire in ricerca e sviluppo nel settore della pedalata assistita.

Per i suoi 130 anni Olympia ha deciso di proporre al suo pubblico una e-mtb in edizione speciale, che riprende con un allestimento e colore esclusivo il modello Karbo. Non poteva chiamarsi che Karbo 130° Anniversario, e 130 sono gli esemplari prodotti, contrassegnati da numerazione progressiva.

La e-mtb dell’anniversario si distingue dal modello base per il carro in carbonio anziché in alluminio e per il manubrio, anch’esso in carbonio. Karbo 130° Anniversario si caratterizza anche per una nuova collocazione del supporto del display e, naturalmente, per l’elegante targhetta che riporta il numero di serie e che denota l’esclusività della bici.

Ecco dunque una Karbo full carbon ancora più leggera (23,9kg*), che può contare sulle straordinarie potenzialità dell’ultima versione del motore Edge Oli da 90Nm e della batteria ad alto rendimento PowerNine 900, fiore all’occhiello dell’R&D Olympia.

La leggerezza non è l’unico vantaggio di un manubrio e di un carro posteriore in carbonio, che si traducono di fatto in maggiore confortevolezza e facilità di guida. L’elasticità che caratterizza questo tipo di materiale, al pari della resistenza, consente di assorbire le vibrazioni trasmesse dal terreno e di ridurre l’affaticamento del ciclista durante le lunghe pedalate, garantendo al contempo una conduzione dell’e-bike più stabile e precisa. Il manubrio in carbonio K1 X Feel è stato progettato da Olympia in base a criteri ergonomici, per ottenere il massimo della manovrabilità e del comfort in questa particolare tipologia di e-bike. L’angolazione delle impugnature è stata studiata per offrire una posizione delle mani naturale e confortevole.

L’attacco del display è collocato in una posizione protetta, integrata con le linee della bici e perfettamente fruibile.

Karbo 130° Anniversario è equipaggiata con il cambio Sram GX Eagle a 12 velocità e ruote Mavic E-Deemax con cerchio rinforzato e raggi piatti, specifiche per il mondo e-bike. La dotazione di serie prevede gomme Vittoria Agarro da 2.4. Il reggisella è telescopico. Le escursioni della sospensione posteriore Rock Shox Super Deluxe Select+ Trunnion e della forcella EXT ERA V2 S 36 29″ sono di 160 mm.

La e-mtb celebrativa dei 130 anni di Olympia viene prodotta nelle tre misure S/M , M/L e L/XL.

ASSISTENZA PERSONALIZZATA CON IL NUOVO MOTORE OLI EDGE

Il nuovo motore Oli Edge esprime 90 Nm, a fronte di un ingombro decisamente contenuto. La spinta è molto naturale grazie all’ottimizzazione della curva di erogazione dell’assistenza, che si attiva sin dai regimi più bassi. Il livello “R” rende immediata la risposta alla pressione sui pedali. Sono 6 i livelli di serie, messi a punto da Olympia in collaborazione con i tecnici di Oli.

Il nuovo aggiornamento del firmware, disponibile da ottobre 2023, permette di personalizzare il funzionamento del motore OLI Edge direttamente dal display High Vision. Nella schermata OLI EDGE Pre-Set si possono scegliere 4 diverse mappature, dalla più conservativa, studiata per avere una notevole autonomia di batteria, alla più potente, ideale per percorsi estremamente tecnici.

I livelli di assistenza dei Pre-Set, eccezione fatta per Original, sono tutti editabili direttamente dall’eBiker, che può individuare il tipo di assistenza più rispondente alle proprie esigenze.

Un’altra particolarità è l’introduzione, prevista solamente per il Pre-Set più aggressivo Power, della funzione Over-Run, che fornisce per qualche istante piena assistenza anche quando si smette di pedalare. Basterà invertire il senso di rotazione dei pedali, anche di un solo grado, per interrompere la spinta. Il tempo di intervento può essere variato tramite display.

POWERNINE 900: AUTONOMIA E LONGEVITA’ STRAORDINARIE

Powernine 900, la batteria di ultima generazione sviluppata da Olympia, ha un eccezionale rapporto capacità/peso grazie all’impiego delle celle 21700. Il caricabatterie da 4 Ampere in dotazione permette di completare una ricarica in sole sei ore.

Avere 900 Wh a disposizione permette di pedalare in tutta serenità e di godersi le proprie escursioni in totale spensieratezza, senza l’assillo di dover tenere d’occhio la riserva di energia e il timore di affrontare altimetrie troppo esigenti.

PowerNine 900 è una batteria che si distingue anche per la sua particolare longevità. La maggiore durata di ogni singola carica fa sì che le celle debbano essere sottoposte a meno cicli di alimentazione, allungandone di fatto la vita. Come è noto, infatti, più volte una batteria viene sottoposta a ricarica e minore sarà la sua durata in piena efficienza.

L’impermeabilizzazione della batteria ne garantisce la piena funzionalità anche nelle condizioni climatiche più estreme.

*peso indicativo taglia S/M senza pedali, con allestimento tubeless.

Prezzo: € 6.947 IVA inclusa

Olympia

Commenti

  1. Giocody:

    Vero, ma con i nuovi modelli presentati al IBF, mi sembra stiano cercando di "farsi spazio" tra i concorrenti. Personalmente aspetto la presentazione della Nitro, bici che mi piace parecchio.
    Chi vivrà vedrà, ma ho paura che noi Italiani per ora non siamo forti sulle ebike, pochi numeri si vedono sul mercato, anche la Thok non ha fatto dei grandi numeri, era partita discretamente ma poi si è arenata ...
  2. Giocody:

    View attachment


    Questo è l'ingresso cavi di una MC6 Carbon.
    Mi sembra che in casa Olympia abbiano curato meglio questo aspetto.
    Insomma, non tanto, almeno non sulla Hammer...le cose sicuramente cambiano se monti cambio e telescopico wireless...comunque l'ingombro di cavi è facile montare e smontare la serie sterzo e relativi cavi, anche se ci vuole pazienza...
Articolo successivo

Olight RN2000: la luce da avere con sé quando diventa buio

Articolo precedente

Con barca a vela ed Ebike sul lago Lemano

Gli ultimi articoli in News