[First ride] Nuova Mondraker Crafty Carbon: la EMTB più leggera di sempre?

[First ride] Nuova Mondraker Crafty Carbon: la EMTB più leggera di sempre?

25/11/2019
Whatsapp
25/11/2019

Mondraker presenta la nuova Crafty Carbon e riesce a scendere sotto i 20 kg di peso, una prima assoluta per una mountain bike elettrica da 29 pollici con 150mm di escursione.

Caratteristiche

  • Materiale telaio: Carbono Stealth Air
  • Diametro ruote: 29″
  • Sistema di sospensione: Zero
  • Escursione anteriore/posteriore: 160mm/150mm
  • Battuta ruote: Boost 110×15mm/148×12mm
  • Trasmissione: 1×12
  • Motore: Bosch Performance Line CX 4
  • Batteria: Bosch Powertube 625Wh (Crafty RR SL anche disponibile con batteria da 500Wh)
  • Pesi dichiarati: 19,3kg (Crafty RR SL + batteria 500Wh); 19,8kg (Crafty RR SL + batteria 625Wh); 21,3kg (Crafty RR); 21,8kg (Crafty R)
  • Taglie: S, M, L, XL
  • Prezzi: 7.999€ (Crafty R); 9.999€ (Crafty RR); 12.499€ (Crafty RR SL)

Geometria

Mondraker ha ottimizzato la Forward Geometry per tutti i modelli Crafty Carbon. Questo vuol dire angolo sella di 76°, foderi posteriori di 455mm, reach lungo e angolo sterzo di 65.5° combinato a offset forcella di 44mm e attacchi manubrio di 30mm.

Dettagli

Mondraker ha dovuto decidere se dotare la Crafty di una batteria estraibile o meno e la scelta è ricaduta per la seconda opzione.

Il brand spagnolo ha motivato la decisione dicendo che la Crafty è una “performance” emtb, cioé con cui andare forte e non con lo scopo ultimo di fare giri il più lunghi possibile. Non è quindi previsto che uno cambi la batteria a metà giro. Se la batteria è a fine vita o difettosa, bisogna portare la bici in un centro Bosch dovre estrarranno il motore e poi la batteria.

Il telaio in carbonio Stealth ha delle prese di aerazione che hanno la funzione di raffreddare la batteria.

Del motore Bosch Performance Line CX abbiamo parlato a lungo in questo articolo (e nelle migliaia di commenti). L’ho trovato compatto e silenzioso, mentre avrei preferito un comando remoto e un display più ergonomici e compatti, come quelli di Shimano. Il sensore di velocità è nascosto dentro il forcellino sinistro, mentre il magnete è posto sul disco del freno.

Un’altra novità del telaio Crafty Carbon è la serie sterzo Acros ICR (Integrated Cable Routing) che permette di farci passare dentro tutti i cavi della trasmissione/reggisella telescopico e il tubo del freno posteriore, con il risultato di avere un’estetica molto pulita.

La cinematica della nuova Crafty Carbon è stata rivista e progettata per l’uso di una bici elettrica. Il sistema Zero è molto sensibile ad inizio corsa, per poi diventare sempre più progressivo.

Il link superiore è un monoblocco in carbonio, molto rigido. I perni sono di 17mm di diametro con cuscinetti sigillati oversized Enduro Max.

Il modello top di gamma è stato pensato per i rider che privilegiano il peso e la performance piuttosto che l’autonomia. Ha un motore Bosch Performance Line CX con batteria integrata da 500Wh e una componentistica di prima scelta come le sospensioni Fox Factory e la trasmissione wireless SRAM AXS, freni Shimano XTR, guarnitura in carbonio e*thirteen e ruote in carbonio DT Swiss in carbonio anch’esse. Il prezzo è top di gamma anch’esso…

Il peso di soli 19.3 kg è un record per questa tipologia di bici. Se si decide di equipaggiarla con la batteria da 625Wh si riesce a non sforare il muro dei 20kg, fermando l’ago della bilancia su 19.8kg (dati dichiarati da Mondraker).

Secondo me, è una delle ebikes più belle che ho visto fin’ora.

In azione

Qualche settimana fa ho avuto la possibilità di provare la nuova Crafty Carbon intorno a Gondramaz, una bellissima cittatina situata nella Serra da Lousã, Portogallo.

Sfortunatamente il tempo non è stato dalla nostra parte, con piogge torrenziali che mi hanno costretto a pedalare in modalità “sopravvivenza”, su sentieri che non conoscevo e con tanto fango. Non ho potuto quindi provare la Crafty in tutto il suo potenziale, vi scriverò comunque qualche breve impressione.

Sono alto 181cm e ho provato sia la taglia M che L, sentendomi più a mio agio sulla M per via della sua giocosità in curva e nei salti, considerando che si tratta di una bici con ruote da 29 pollici. La L era più stabile sul veloce e più facile da pedalare sul tecnico, ma un po’ troppo lunga per i miei gusti.

Non rimane che provarla sui nostri sentieri in condizioni più propizie. State sintonizzati!

mondraker.com
Distrubuita in Italia da DSB Bonandrini

Commenti

  1. Magic:

    Sacrificare la funzionalità? Perché la batteria non è estraibile? E che te ne fai di una batteria estraibile da 625? Non è che la batteria estraibile stile levo son tutti la che la tolgono...
    Non a tutti interessa, d'accordo, ma non puoi dire che non serva a nulla: se non hai una presa di corrente in garage, se vuoi conservare la batteria a temperatura ambiente, se vuoi ricaricarla in rifugio o portarne una seconda nello zaino deve essere estraibile.
    Ognuno valuta la bicicletta in funzione delle proprie esigenze, è ovvio: volevo solo evidenziare che il risparmio di peso è stato ottenuto togliendo qualcosa, non integrando nuove tecnologie.
  2. Simone K2:

    Peraltro ottenuti limando al massimo i componenti: per esempio, le gomme vanno cambiate (vedi la prova su https://www.emtbforums.com/19-4-kg-mondraker-crafty-carbon-launched/).
    A parte questo, non mi sembra che il Kiox si trovi in posizione felice:
    "Bosch designed the system to have an easy breakaway design, which does work nicely; however, that also leaves it susceptible to getting lost in a wreck, or when mounting it on certain bike racks. We ended up damaging the tabs on our unit, so the connection to the pins wasn’t as it should be. We ended up having to tape or rubber band the unit down to keep contact and power supplied. " (https://theloamwolf.com/2019/11/12/review-mondraker-crafty-r/).
    Simone K2:

    Pesa meno ? Sicuramente il DPS è più leggero del DPX2.
    La bici è bellissima, ma mi pare che abbiano sacrificato un po' troppo la funzionalità per limare un paio di kili (vedi la batteria fissa).
    Un conto è ridurre i pesi attraverso nuove tecnologie, altra cosa sono i risparmi ottenuti scegliendo componenti non al top, che poi magari uno sostituisce subito (vedi le gomme).
    Risultato: € 12.499 per una bici con componenti non top di gamma.
    La versione RR, montata in modo razionale, ha un peso normale (kg. 21,3 dichiarati): la Trek Rail 9.9, che ha un prezzo analogo, dichiara kg. 21,65, ma ha la batteria estraibile.
    Beh, mi pare che ti stia arrampicando un pò sugli specchi, un attimino di "la volpe e l'uva"???
    Lo sforzo fatto da Mondraker è ammirevole, secondo me, anche col 1/2 kilo in più per gomme più performanti. Se pensiamo al primo progetto carbon della casa, è un grosso passo in avanti: il telaio ha una costruzione magnifica, basta guardare come hanno infilato la bielletta bassa del vpp (o Zero che dir si voglia), miniaturizzare le dimensioni non è cosa facile, neanche con la batteria "fissa", soprattutto considerando che è una Bosch. Direi che hanno investito in tecnologia!
    Il Kiox a cui ti riferisci è di un'altra bici.
    Il prezzo è alto? Così fan tutte...:worried:
  3. Simone K2:

    Non a tutti interessa, d'accordo, ma non puoi dire che non serva a nulla: se non hai una presa di corrente in garage, se vuoi conservare la batteria a temperatura ambiente, se vuoi ricaricarla in rifugio o portarne una seconda nello zaino deve essere estraibile.
    Ognuno valuta la bicicletta in funzione delle proprie esigenze, è ovvio: volevo solo evidenziare che il risparmio di peso è stato ottenuto togliendo qualcosa, non integrando nuove tecnologie.
    AlfreDoss:

    Una bici del genere la tieni per forza di cose in salotto, al calduccio davanti al camino, altro che rifugi freddi e pieni di gente sudata e puzzolente, quindi problema batteria risolto :joy: :joy: :joy:
    gia che uno c'e' la lascia direttamente in salotto come soprammobile :innocent: o_O