[Test] Casco Bell Super DH

[Test] Casco Bell Super DH

17/09/2018
Whatsapp
17/09/2018

Bell è uno storico marchio americano fondato in California negli anni ’50, che annovera nel proprio catalogo diverse tipologie di caschi, a partire da modelli specifici per il motorsport fino ad arrivare a quelli da bici corsa e MTB. I caschi Bell sono distribuiti in Italia da Larm che ci ha gentilmente fornito il Super DH oggetto del nostro test.

20180901_110641_hdr

Bell è stato uno dei primi produttori a presentare sul mercato un casco con mentoniera staccabile, un prodotto che aveva come scopo principale la versatilità e la maggiore sicurezza rispetto ai caschi aperti comunemente utilizzati. In pochi istanti si poteva passare da un leggero e arieggiato caschetto da trail ad un più robusto e sicuro full-face. Ormai sono passati diversi anni e ad affiancare i modelli Super 2r e Super 3r è arrivato il Super DH, l’unico della gamma che ha ottenuto l’omologazione per essere utilizzato nelle gare di DH, quindi lo possiamo definire un integrale a tutti gli effetti, con la possibilità di staccare la mentoniera.

20180901_111524_hdr-01

In sintesi

Tipologia: modulare.
Utilizzo ideale: all mountain / park / DH.
Omologazione: ASTM F-1952-15, ASTM F2032-15, CE EN1078, CPSC Bicycle.
Colori: 7, disponibili in Italia 5.
Fori di ventilazione: 17 sulla calotta e 4 sulla mentoniera.
MIPS: Si, spherical
Chiusura: Fidlock magnetica.
Visiera regolabile: Si, per alloggiare la maschera.
Taglie disponibili: S (52/56), M (55/59), L (58/62).
Peso taglia M: 888 g completo, 480 g senza mentoniera, 408 g la mentoniera.
Accessori in dotazione: attacco per action cam, sacca copricasco, guancette più spesse.
Prezzo di listino: 299€.
Prezzi online

collagemaker_20180915_054533411

Caratteristiche e calzata

Il casco è costruito con la tecnologia fusion in-molding con guscio in policarbonato, ed è dotato di MIPS Spherical. La particolarità di questo sistema risiede nella costruzione interna, di fatto è costituito da due calotte sferiche che sono libere di ruotare una all’interno dell’altra. Questa soluzione permette una rotazione di alcuni gradi della parte esterna rispetto a quella interna aiutando a dissipare gli urti e a limitare le pericolose sollecitazioni trasmesse al collo del rider in caso di impatto. Durante il riding si possono avvertire degli scricchiolii dovuti allo sfregamento tra le due calotte e all’accoppiamento tra la mentoniera e la parte superiore del casco che personalmente non ho mai ritenuto particolarmente fastidiosi.

La visiera di lunghezza media non interferisce mai con la visuale ed è facilmente regolabile per poter alloggiare la maschera durante le pause.

Il casco prevede un sistema di ritenzione con regolazione occipitale molto efficace, modificabile su quattro posizioni per meglio adattarsi alla conformazione cranica del rider. Con la rotellina posteriore si può stringere la calzata per far aderire al meglio il sistema alla nostra testa, evitando movimenti indesiderati del casco durante le fasi di riding. Il cinghietto sotto gola risulta morbido e sottile, aderisce bene al viso e non crea fastidi nella zona della mandibola. Molto pratica la chiusura Fidlock , che non ha mai perso la regolazione iniziale e si può aprire velocemente anche utilizzando una sola mano.

Il casco ha un ottimo bilanciamento sulla testa, da l’impressione di essere molto più leggero di quanto indicato dalla bilancia. La calzata è comoda anche dopo molte ore e non ho notato nessun fastidioso punto di pressione, le imbottiture sono fresche, non troppo voluminose e dotate di un trattamento antibatterico.

La conformazione della parte interna della calotta del Super DH lascia un ampio spazio per le aste degli occhiali che non interferiscono ne con i cinghietti né con il sistema di ritenzione.

collagemaker_20180917_033001466

Per traformare il Super DH da integrale a open face basterà aprire le due chiusure metalliche poste in prossimità delle tempie e quella posteriore, poi separare le due parti. Dopo aver preso un minimo di confidenza con la procedura da eseguire risulterà facile e veloce attuarla anche con il casco calzato.

In dotazione con il casco viene fornito anche un attacco per montare una action cam o una luce per le notturne: va posizionato all’interno della presa d’aria centrale sulla sommità della calotta. La colorazione del casco che mi è stato inviato è molto gradevole, non troppo appariscente, con una finitura opaca piuttosto resistente. Nonostante l’uso intenso degli ultimi mesi e qualche urto con rami  e vegetazione risulta praticamente intatto.

collagemaker_20180917_033630239

Gestione del sudore e del calore

Le imbottiture in X-Static, pur essendo sottili, assorbono molto bene il sudore e lo convogliano verso il centro della fonte dove una spugnetta che sporge dal bordo frontale del casco lo trattiene evitando che goccioli sul viso o sugli occhiali. Basterà toccare la spugnetta con le dita per far gocciolare il sudore, un sistema davvero efficace per chi come me ha una sudorazione abbondante. In dotazione con il casco vengono fornite due coppie di guancette di spessori diversi che si agganciano alla mentoniera tramite clip. Tutte le imbottiture sono facilmente staccabili e lavabili.

La calotta esterna presenta ben 17 fori per la ventilazione che creano, coaudiuvati dagli ampi canali interni, un buon ricircolo d’aria, mantenedo la testa del rider ben ventilata anche nelle giornate più calde. La mentoniera presenta 4 fori per aiutare la respirazione che, pur non essendo molto ampi, non danno mai la sensazione di soffocamento che spesso si avverte con i classici integrali. Va segnalato che i due fori centrali davanti alla bocca sono privi di retina di protezione.

collagemaker_20180917_034603727

La possibilità di staccare la mentoniera ci permette di gestirne al meglio l’utilizzo senza rinunce in termini di sicurezza. In salita o durante i trasferimenti più lunghi si può utilizzare il casco come un classico open face riponendo la mentoniera in uno zaino o agganciandola ad un marsupio, beneficiando di una maggiore areazione sul volto, guance ed orecchie.

collagemaker_20180917_030108480

Conclusioni

Per chi utilizza in maniera sportiva la propria e-mtb questo casco è davvero un prodotto azzeccato: combina la leggerezza, aereazione e protezione di un casco aperto da tenere in testa per tutta l’uscita alla sicurezza di un casco integrale omologato da indossare in discesa o su trail particolarmente tecnici ed impegnativi. Il Bell Super DH risulta sempre comodo e piacevole da tenere indossato. Nonostante il caldo che si è registrato questa estate, con temperature ampiamente oltre i 35°, non ho mai rinunciato alla sicurezza e alla versatilità del Super DH. Spesso sono stato tentato di lasciare a casa la mentoniera, ma alla fine l’ho sempre portata con me e utilizzata durante la discesa.

Non ho mai amato gli integrali classici per via del peso e della scarsa areazione, ma posso tranquillamente dire che dopo diversi mesi di utilizzo questo casco è diventato un accessorio al quale difficilmente potrò rinunciare.

 

20180729_101211_011-01

20180708_122749_013-01

pic2gif_20180917_021057

Bell

LARM S.p.A

38
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
38 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
15 Comment authors
GasateFvalium64ducams4rDema21 Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Notificami
tostarello
Editor

in passato hai avuto modo di usare  il bell super (2 o 3)? se si, pensi valga la pena cambiarlo passare al super dh?

Auanagana
Guest

Io ho avuto il super 2 per quasi 3 anni e adesso da un pò di mesi il Super Dh…si vale la pena..è più robusto da chiuso e anche più confortevole in testa anche da aperto.

L'unico svantaggio rispetto al super 2 o 3 è la dimensione della mentoniera, abbastanza più ingombrante da trasportare e con qualche grammo di peso in più..

A
Guest
albeoi

Da possessore del Bell Super 3R Mips mi lascia molto perplesso che continuino ad utilizzare quel sistema di chiusura sulla nuca che tende ad aprirsi/allentarsi con estrema facilità, alla minima pressione si allenta. Certo che spendere quasi 200 € e a seguito di una caduta a bassa velocità dover sostituire il sistema di chiusura sulla nuca perchè si è rotto non è il massimo, vuol dire che anche a impatti di piccola entità il casco non resta esattamente nella posizione in cui dovrebbe stare. Successivamente ho acquistato un nuovo sistema di fissaggio e anche questo risulta debole, oltre al fatto… Read more »

marco
Admin

[QUOTE="albeoi, post: 117670, member: 3862"]

Certo che spendere quasi 200 € e a seguito di una caduta a bassa velocità dover sostituire il sistema di chiusura sulla nuca perchè si è rotto non è il massimo, vuol dire che anche a impatti di piccola entità il casco non resta esattamente nella posizione in cui dovrebbe stare.

[/QUOTE]

Una "piccola" caduta è sufficiente per compromettere la struttura di un casco (basta che ti cada di mano sul pavimento duro), d'altronde sono costruiti per dissipare l'energia, non per restare intonsi e trasmetterla alla testa. È lo stesso principio delle auto moderne.

ducams4r
Guest

[QUOTE="tostarello, post: 117649, member: 6"]in passato hai avuto modo di usare  il bell super (2 o 3)? se si, pensi valga la pena cambiarlo passare al super dh?[/QUOTE]

Non ho mai posseduto i precedenti modelli ma li avevo provati in negozio, però non mi avevano convinto principalmente a livello di comfort e ritenzione occipitale, mi piacciono i caschi che stanno fermi e che fasciano molto sia la testa che le guance nel caso degli integrali.

A
Guest
albeoi

[QUOTE="marco, post: 117674, member: 1"]Una "piccola" caduta è sufficiente per compromettere la struttura di un casco (basta che ti cada di mano sul pavimento duro), d'altronde sono costruiti per dissipare l'energia, non per restare intonsi e trasmetterla alla testa. È lo stesso principio delle auto moderne.[/QUOTE]

Il concetto di "piccola caduta" è relativo e capisco che il casco debba deformarsi per dissipare la forza dell'impatto ma se al momento dello stesso il meccanissmo, che risulta debole, fa ruotare in parte la testa all'interno del casco non è potenzialmente pericoloso?

e-runza70
Guest
e-runza70

L’ho preso da poco l’unica cosa che mi lascia perplesso e la chiusura posteriore, non è così semplice ed immediato da chiudere aprire correttamente almeno nel mio esemplare.

CORSARO
Guest

ma il giro switchblade l'avete provato?

[QUOTE="ducams4r, post: 117686, member: 44"]Non ho mai posseduto i precedenti modelli ma li avevo provati in negozio, però non mi avevano convinto principalmente a livello di comfort e ritenzione occipitale, mi piacciono i caschi che stanno fermi e che fasciano molto sia la testa che le guance nel caso degli integrali.[/QUOTE]

hai provato il giro?

marco
Admin

[QUOTE="albeoi, post: 117687, member: 3862"]Il concetto di "piccola caduta" è relativo e capisco che il casco debba deformarsi per dissipare la forza dell'impatto ma se al momento dello stesso il meccanissmo, che risulta debole, fa ruotare in parte la testa all'interno del casco non è potenzialmente pericoloso?[/QUOTE]

piccola caduta = ti cade di mano sull'asfalto e cade sul punto sbagliato.

Se ti si gira in testa non è che la taglia è sbagliata?

Auanagana
Guest

Il meccanismo che fa ruotare la testa dentro il casco e' il mips ( e similari) e serve come "salva cervello" in caso di impatto…l' importante e' che ruoti l' intelaiatura mips dentro il casco e non la testa dentro il mips..in tal caso la taglia e' sbagliata ..:blush: