Pedroni E-Pard: una EMTB made in Italy

Pedroni E-Pard: una EMTB made in Italy

26/08/2019
Whatsapp
26/08/2019

Mirko sta testando la Pedroni E-Pard, una mountain bike elettrica prodotta in Italia e dotata di motore Polini, oltre che altra componentistica tricolore. Nel video ve la presentiamo in dettaglio.

Prezzi

E-Pard Pro: 6.299€
E-Pard Expert: 4.999€
E-Pard Team Replica: 7.999€

Pedroni

Commenti

  1. czarn:

    esco dal seminato....per meno vado alla cieca sul push3r di mde che esce a ottobre....
    MDE è un altro produttore italiano che meriterebbe maggiore attenzione.
  2. czarn:

    mah, amo le nicolai, però il rohloff al mozzo secondo me la sbilancia di pesi. Già con un vecchio imotion3 si sente, con un rohloff mi sa che non conviene staccarsi da terra....
    Sarà...ma intanto non c'è più il peso di deragliatore e pacco pignoni quindi mi sa che stiamo parlando di una differenza di peso complessivo molto relativa. In ogni caso su una bici dove tra motore e batteria siamo sui 6-7 kg (con batteria integrata fra l'altro il peso si sposta in avanti) non credo che un mozzo rolhoff si senta più di tanto.
  3. czarn:

    https://www.cyclingabout.com/weight-difference-between-derailleur-pinion-rohloff-bikes/


    tanto per avere dei dati alla mano....
    Interessante comparativa, comunque tu l'hai provato e hai sicuramente dei riscontri personali in merito. Purtroppo non ho mai avuto il piacere di provare una Nicolai, ma resto convinto (probabilmente sbagliando...) che su una ebike come quella i 7/800 grammi in più non creino un granchè disturbo, cosa che invece potrebbe dare l'interasse molto lungo, ma avendo io già una specie di tir sotto il sedere con 24,5 kg di peso non credo sentirei molto la differenza...certo, avessi la sensibilità di un certo Niki Lauda....:joy:

    [QUOTE]Cit. Alla domanda su quale fosse la prima qualità di un pilota di Formula uno non aveva dubbi a rispondere: "la sensibilità del sedere".[/quote]Mentre Lauda, l’eroe antico, sapeva tutti i modi per minimizzare sua condizione eroica. In una intervista, di fronte a Jan Manuel Fangio (cinque mondiali vinti), disse: “Lui è più bravo”. Lo disse anche di Schumi: “Lui è più bravo”. Del resto Lauda era un tipo così: sosteneva che l’orecchio in meno gli migliorava l’udito al telefono. E alla domanda su quale fosse la prima qualità di un pilota di Formula uno non aveva dubbi a rispondere: "la sensibilità del sedere".Un culo sensibile sente la sbandata prima di un culo insensibile. Indubitabile. Ci sono eroi fatti così.
 

POTRESTI ESSERTI PERSO