Il passaggio cavi nella serie sterzo è una complicazione inutile?

31

Dal punto di vista del meccanico, il passaggio dei cavi nella serie sterzo è un incubo. Cambiare le guaine o anche solo abbassare il manubrio diventa spesso un’impresa titanica che non sempre va a buon fine.

Da quello dell’utilizzatore finale, soprattutto di chi non si fa da solo la manutenzione, è invece un passo avanti a livello estetico e pratico. Guaine e tubi freno non si muovono quando uno sterza, non vanno a rigare il telaio che dunque non ha bisogno di essere pellicolato e protetto, offrono meno superficie di attacco a rami ed arbusti.

E poi le bici sono più belle esteticamente, su quello non ci piove.

E voi cosa ne pensate?

In collaborazione con Bike Lab.serie

Commenti

  1. Io fin che sarà possibile eviterò di mettermi in casa una bici con i cavi che entrano dalla serie sterzo, poi se ci sarà da vedere si vedrà. Comunque per l'unica motivazione può essere estetica, perchè i cavi nei rami possono impigliarsi anche con questa soluzione anche se un po' meno. Graffi sul telaio non esiste, con gli ingressi ai lati della zona sterzo o dietro il cannotto in basso basta fare le guaine della lunghezza giusta e non toccano da nessuna parte se non le rare volte che giri il manubrio a 90°, e comunque le puoi rivestire con una guaina morbida nei punti critici. Poi anche l'estetica è soggettiva, a me quella con i due cavi penduli da una sola parte faceva abbastanza ca ... cantare.

    PS. Ma va che roba originale la bici presa come modello nel video, qualcuno qui dentro l'ha mai vista o ne ha mai sentito parlare? :joy:
  2. Dovrebbero almeno dare la possibilità di scelta.
    Capisco che a livello progettuale possa complicare un pelo la cosa ma prevedere la possibilità di utilizzare entrambe le soluzioni sarebbe l’ideale.
    Voglio una soluzione più pulita ma un poco più complicata, utilizzo il passeggio nel tubo sterzo.
    Prediligo una soluzione più pratica ma meno pulita passaggi nel telaio.
    Sono anche convinto che se si manterrà la prima soluzione alla lunga questa porterà allo sviluppo di soluzioni pratiche di smontaggio di stem e cavi con attacchi ad innesto rapido.
    O magari l’evoluzione di servocomandi sempre più sicuri risolverà il problema alla radice. Basta cavi e stop!!
Articolo successivo

Visita a Crankbrothers

Articolo precedente

Nuova Olympia Hammer con batteria da 900Wh

Gli ultimi articoli in Tech Corner