Thok Yellow Edition

Nuove Thok MIG e TK01 Ltd Yellow Edition

37

Thok ha presentato al Bike Festival un’edizione limitata della MIG e della TK01: la Yellow Edition.

50 pezzi in edizione limitata con accessoristica premium e con l’allestimento più esclusivo mai realizzato dalla casa italiana di Alba: sospensioni Öhlins, freni Braking personalizzati THOK, motore Shimano EP8, trasmissioni Shimano XT (TK01) o Sram X01 elettronica (MIG), manubrio Renthal in carbonio, ruote Mavic.

Le nuove edizioni limitate hanno una livrea gialla firmata Aldo Drudi, celebrativa del legame con Öhlins. Gli allestimenti, nominati “Yellow Edition”, saranno proposti in 20 esemplari numerati per il modello MIG Ltd (All Mountain) ed in 30 per la TK01 Ltd (la versione Enduro).

Le eMTB in versione Yellow Edition sono assemblate una ad una dai meccanici di THOK in Italia e vengono personalizzate per i clienti. Inoltre, un personal shopper THOK è a disposizione per fornire assistenza e consigli. La bici, infine, arriva con la “Limited Box” ricca di accessori e gadget esclusivi tra cui: GPS Garmin Edge, garanzia THOKcare, THOK Libellum, e molto altro, compresa una maglia negli stessi colori della bici, firmata Aldo Drudi.

Le MIG e le TK01 LTD sono acquistabili solo on-line qui (TK01 Ltd) e qui (MIG Ltd) con opzione di consegna a casa o presso il THOK Point più comodo.

I primi 10 acquirenti saranno ospitati al “Tribe”, il raduno annuale dei possessori di biciclette THOK che si terrà quest’anno a Molveno (Trento) il 21 e 22 maggio.

 

Commenti

  1. cit:

    Puoi sempre rivolgerti al kit. Mi pare il reparto sospensioni sia lo stesso.
    Certo, niente Garmin e gli altri gadget ma il montaggio lo puoi replicare.
    Vero, è che così era bella pronta, senza sbattermi.
    Però è un bel passatempo prepararsi la bici.
  2. etbike72:

    Anche ora il sito funziona benissimo, sono arrivato fino alla conferma ordine senza problemi….. tg m.
    Ciao, si è vero, non vedevo- capivo dove inserire la taglia.
  3. Provata a Riva, la Ducati Tk 01 RR, che poi è la stessa cosa.
    Sinceramente mi sono trovato subito a mio agio, non sò, o quella che ho è più cancello.
    L'ho trovata ben bilanciata e reattiva, forse anche per le sospensioni veramente ottime.
    In salita mi è sembrata molto pedalabile ( però non ho riscontro per la mig) ho provato anche senza motore e devo dire che si riesce bene, certo con pendenze non esagerate, salita al monte Brione, solo un pezzo, tutta non ci sarei ruscito.
    Mentre la sorpresa più "diciamo" grossa è stata la discesa su sto sentiero scassato, fatto per la prima volta, veramente riuscivo a fare quello che volevo mettendo le ruote dove mi pareva, certo non a 2000, a me piace andar veloce ma con calma.
Articolo successivo

Nuova Radon Deft

Articolo precedente

Nuovi pneumatici Goodyear Newton provati alla cieca

Gli ultimi articoli in News