Magazine #brose

Brose presenta tre nuovi display

Brose presenta tre nuovi display

marco, 15/05/2019

Brose annuncia tre nuovi display, pensati per diverse tipologie di bici ed esigenze. Si cominceranno a vedere sulle bici da Eurobike 2019, ma sono retrocompatibili con i motori Brose. I prezzi non sono ancora definiti.

Brose display central

Il Central ha uno schermo da 3.5″ e un comando remoto da posizionare vicino alla manopola, collegato tramite cavetto.

Il Remote è il più minimalista dei tre: le uniche indicazioni provengono dai led.

Remote display
Remote, dettagli

Infine l’Allround è una via di mezzo fra i due, con uno schermo da 1.5″

Allround
L’Allround pesa 50 grammi

Il comunicato completo

Housed in an impact-resistant ABS casing, all three Brose displays are compatible with any e-bike featuring Brose Drive. And can be easily retrofitted. Depending on the choice of model, information displayed includes battery charge, support level, speed, range, an odometer, trip information, light, time and walk assist. For optimum readability in both darkness and direct sunlight, the Brose Display Allround and Brose Display Central feature a backlight function. Screen brightness can be manually adjusted or automatic mode activated. Deliberately pared-down display design makes sure riders can, for instance, reach the shifter or activate the dropper seatpost with ease. The displays allow easy connection to the digital Brose Service Tool, making for quick maintenance and repair by certified dealers.

Brose Display Allround: The name says it all
The stylish Brose Display Allround is a perfect fit for any bike. The control buttons are embossed for a sure feel and, ergonomically placed to allow simple, quick access to the features of the drive system. The 1.5-inch colour screen sleekly hugs the handlebars and can be mounted to the left or right of centre. Tipping the scales at just 50 grams, the Brose Display Allround weighs as little as a smartwatch and looks equally at home on sporty bikes or design-oriented urban and trekking models.

Brose Display Remote: The purist’s choice
For e-bikers looking for minimalist flair with all the functionality, the slimline Brose Display Remote is just the job. Wrapped around the handlebars to the left or right of centre, the smallest of the three models still offers all the requisite functions. It features a coloured LED strip display, indicating battery charge and support level, plus six ergonomically thought-out buttons. This option is especially suited to riders who take a less-is-more approach to how their bike should look.

Brose Display Central: Pedalling the big picture
Ideal for urban and trekking bikes, the screen-only Brose Display Central takes readability to the max under any conditions. Its centre-mounted 3.5-inch, high-definition colour screen with backlighting lets riders take in all the stats in the wink of an eye. This model is ergonomically operated via the conveniently mounted Brose Remote, whose LEDs are switched off in the process so that both monitors are not active at the same time.

First e-bikes with Brose Displays will be available after Eurobike 2019.

Brose.com

Commenti

  1. marco:

    Mirko, dovresti farti un giro da Flyer per capire di che numeri si parli e di quale sia il target dei produttori. Come si poteva sentire nel video che ho girato durante la visita, ci sono migliaia di persone che ogni anno vanno alla loro sede, dove hanno prenotato 1 ora di consulenza. Rimangono lì anche tutto il weekend (camping gratuito) e provano diverse bici sulle ciclabili attorno. Sono praticamente tutti tedeschi e/o svizzero/tedeschi, piuttosto attempati, che vogliono la bici per farsi le varie ciclabili del Danubio e del Reno durante le vacanze o il giretto durante il weekend, possibilmente su strade asfaltate. I numeri parlano da sé: oltre 50.000 bici vendute ogni anno, di cui meno di 1/4 mtb.
    Conosco questa realtà e questi numeri, ma allora se per alcuni grandi produttori di sistemi motore il focus sono le bici da trekking, benvenuta Rocky Mountain, Specialized, Giant, Haibike, ecc. che si sono sviluppati internamente software e/o hardware per accontentare accontentare i loro clienti e-MTB, che richiedono prodotti specifici e consoni a questo scopo.
  2. ducams4r:

    Si, negli anni hanno affinato il concetto senza venir meno alla loro filosofia di base, cioè non avere nulla sul manubrio che possa rompersi in caso di caduta che possa creare un malfunzionamento alla bici. Il comando remoto a manubrio di Specialized non è una centralina, il sistema può funzionare anche senza. La vera centralina si chiama TCU ed è posizionata sul tubo orizzontale in un punto ben visibile e agevole da raggiungere, che colloquia tramite protocollo BT con lo smartphone e l'applicazione Mission Control per gestire l'erogazione del motore ed altre funzionalità, utilizza anche il protocollo ANT+ per trasferire al Garmin o al loro display tutti i dati provenienti dai sensori presenti sulla bici, in più è dotata di 2 pulsanti, uno per accensione e spegnimento e l'altro per variare le assistenze, ha anche 10 led per indicare la carica della batteria ed eventuali manfunzionamenti dell'impianto. Quello che mi piace di questo sistema è la versatilità di utilizzo, posso avere sul manubrio un display grafico senza fili solo se lo desidero, oppure vedere i dati di riding direttamente sul Garmin e poi ritrovarmeli sulle analisi a fine giro, con la sicurezza di non avere fili esterni che possano rompersi e lasciarmi a piedi, perché i collegamenti tra centralina e motore passano interni al telaio.
    Tutti gli altri sistemi dipendono dai display e dai comandi al manubrio, senza i quali non possono funzionare in autonomia.
    Ultima osservazione del tutto personale, ogni volta che mi arriva una bici da provare devo organizzare i vari comandi per renderli il più comodi possibile da azionare, e non sempre riesco a posizionarli dove vorrei, non ho avuto questo problema con la Levo e con poche altre.
    Fanboy!!! :p