Curve lente, strette e ripide

32

Sui sentieri di montagna non è raro trovare delle curve lente, ripide e strette. Impariamo oggi la giusta tecnica per affrontarle.

Il sito su cui trovare i corsi, le uscite guidate epiche e i camp si trova qui (iscrivetevi alla newsletter).

YouTube video

 

Ripasso:

YouTube video

 

YouTube video

 

 

Commenti

  1. Rolly:

    Il peggior difetti degli spd è quando parti in salita molto pendente dopo aver "perso la ruota" e diventi cretino ad agganciare....mentre occorre spingere bene se no non vai su o cadi.........
    Infatti io uso i double proprio x quel motivo, basta avere l'accortezza di posizionare un attimo il pedale sul lato flat, così appena si mette su il piede si ha già l'appoggio desiderato, poi una volta che si supera il tratto "ostico" È un attimo ri agganciarsi.
    Poi è tutta questione di abitudine, ci sono molto che non amano i double per il fatto di non trovare mai il lato giusto... Ma in realtà entrambi i lati sono quelli giusti..! :D
  2. ivo:

    Se inclini la bici, pur con doppia piastra riesci ad avere dei raggi di curvatura molto stretti.
    Sono abbastanza abituato a guidare con una doppia piastra , vengo da una Spesy Enduro 29 che monta una Dorado e con quella non ho mai avuto particolari problemi a girare nello stretto (anche con accenni di nose spress ) , ma con la Kenevo lo trovo più difficoltoso per 3 motivi : minore raggio di sterzata dovuto al telaio più massiccio , passo più lungo e peso maggiore . Inclinando in effetti si riesce a girare meglio , ma anche la soluzione n° 3 proposta da Steve non è poi da disdegnare , rimani con un pò di "maretta" ma riesci a continuare il giro senza rischiare l'infortunio !
  3. Rolly:

    Io ho la netta sensazione che,provata sulla mia pelle,le curve strette sia in salita che in discesa sono molto più difficili con le ebike, più lunghe, pesanti...goffe.
    C'è un.passaggino da me tipo quello del video ma più pericoloso perché se sbagli entri in una macchia di rovi.
    Con la mtb va di lusso....mai mai sbagliato.
    Con la ebike dopo tre capitomboli ho deciso che mi fermo,giro la bici e proseguo.
    E' tutto soggettivo, per me che al fuoristrada ho sempre associato il contesto moto ... la eMTB è una pacchia. Attenzione, non dico che sono in grado di fare qualsiasi passaggio, anzi, ne ho un bel po' da fare di pratica, ma le difficoltà che ho non sono certo date dal peso. Almeno per il momento.
Articolo successivo

Trail e-Xplorer: sui sentieri di Brendog

Articolo precedente

[Test] Trek E-Caliber 9.9 XTR

Gli ultimi articoli in Epic trail MTB school

La salita tecnica

La salita tecnica è il sale della mountain bike, dove si vede il vero biker con…