Come spurgare i freni Magura

5

Negli ultimi anni i freni Magura sono tornati in voga grazie a prodotti affidabili come gli MT7 che abbiamo provato qui. Potenza da vendere, modulabilità e dettagli ben pensati come le pastiglie magnetiche li hanno fatti diventari popolari soprattutto sulle Ebike.

Oggi andiamo a vedere come spurgarli al meglio, con un paio di accorgimenti molto importanti per poter togliere tutte le bollicine d’aria presenti nell’impianto.

Per chiarezza ecco i capitoli in cui è suddiviso il video:

Introduzione
La posizione della bici
Il materiale necessario (Olio minerale Magura Royal Blood e MucOff Disc Brake cleaner)
Attenzione al troppo olio nell’impianto
Rimozione pastiglie
Lo spurgo della pinza
Lo spurgo del pompante
La corretta coppia di serraggio
Pulizia impianto
Accorgimenti finali

In collaborazione con Bike Lab Torino.

Quale argomento volete veder trattato? Fatecelo sapere nei commenti!

Commenti

  1. Da possessore di impianto mt7 pro, non credo che la pratica di portare in depressione l'impianto sia una tecnica affidabile, anche se purtroppo è consigliata dalla stessa Magura. E' una tecnica concettualmente scorretta e inaffidabile che può funzionare in un impianto e crear problemi in un altro.

    Per esperienza, anche in ambito professionale, non è affatto scontato che un circuito che garantisce tenuta a olio in pressione sia altrettanto efficace nel garantire la tenuta al vuoto. Se poi il circuito è aperto e gli sono stati collegati ammennicoli vari come siringhe con tubicini e o-ring di dubbia tenuta o siringhe la cui punta viene semplicemente incastrata a forza dentro un cono di plastica (quello della leva), buona notte.
    In secondo luogo, facendo il vuoto le bollicine non vengono magicamente teletrasportate all'uscita ma schiumano lì dove sono.
    Se sono vicine all'uscite escono, se si trovano in una sezione dell'impianto di diametro appropriato risalgono per gravità, ma se si trovano in cavità piccole o distanti semplicemente restano li.

    In passato tutte le volte che ho mandato in depressione il circuito, quando ero alle prime esperienze e facevo come suggerito da Magura, il risultato è sempre stato miserabile e in linea con le varie lamentele che spesso si sentono in giro circa la spugnosità della leva o l'eccessiva corsa della stessa, soprattutto per il freno posteriore.

    Premesso che ognuno fa come gli piace o come pensa sia meglio, personalmente il miglior risultato in assoluto con i magura (mt7) io lo ottengo iniettando con forza l'olio dalla pinza e lasciando che l'eccesso esca e si accumuli in alto sulla siringa (con il forellino aperto) collegata alla leva. L'olio nella siringa in alto ovviamente arriva a getto e devo lasciarlo "riposare" un paio di minuti per permettere alle bollicine di raggiungere la superficie. Dopo di che azionando la leva pompo nuovamente l'olio dentro la siringa della pinza e lo inietto con forza di nuovo ripetendo per 3-4 volte. La turbolenza che viene a crearsi dentro il circuito è molto più efficace nello sloggiare le bollicine. Ovviamente la pinza deve essere smontata dal telaio e orientata con l'uscita in alto!
    Alla fine levo la siringa della pinza e avvito il bullone senza far entrare aria, quindi rimuovo la siringa in alto lasciando l'apertura piena fino all'orlo (come indicato da Magura) e chiudo.
    I miei mt7 pro così spurgati sono solidi e reattivi come i freni di un auto, al posteriore esattamente come all'anteriore, altro che tutte le lagne che si sentono su youtube circa il feedback dei magura.
  2. Bear:

    Ciao, ogni quanto fai questa operazione? Anche io sono possessore di Magura mt7 da un anno ma non ho ancora mai fatto nulla all'impianto. Grazie
    ah figurati, cambio il fluido freni dell'auto ogni 2 anni e credo di essere uno dei pochissimi che lo fa, e quello è DOT che si deteriora. Quello dei magura invece è volgare olio minerale colorato che non si deteriora e non invecchia. La stessa magura consiglia (pagina 23, ultimo paragrafo colonna sx) di non perderci troppo tempo e cambiarlo solo se i freni non funzionano come dovrebbero e son d'accordo con loro.
    Non c'è neanche il problema del deterioramento dovuto alla temperatura perché le pinze non arrivano a scottare nemmeno nelle peggio discese quando le pastiglie puzzano e i dischi scricchiolano dal calore ;)
Articolo successivo

Olympia presenta la Karbo con batteria da 900 Wh

Articolo precedente

Ho pedalato in salita con il casco integrale

Gli ultimi articoli in Tech Corner

Mullet fai da te?

Ha senso trasfomare una bici con ruote da 29 o 27.5″ pollici in mullet, malgrado il…