First Ride Nuova Orbea Rise: poca E ma tanta Bike

 

redman

Ebiker pedalantibus
6 Aprile 2020
100
57
28
vigevano
Bici
epic swork
non è proprio così se ti capita di usare turbo con la levo dovrai sopperire con la gamba inoltre tieni presente che sul tecnico devi pedalare in modo diverso sul ripidone non è facile tenere alti gli rpm la levo aiuta da subito e questo fa molta differenza le bike test le hanno tutti i rivenditori orbea basta prenotarla non prenderla senza provarla l'erogazione della potenza è molto diversa
 

stebrusca

Ebiker potentibus
1 Maggio 2018
834
611
93
49
vimercate
Bici
Powerplay 70
A detta di chi la sta usando, ci fai tutto quello che facevi anche prima... :D
Ciao. Confermo ma alt. Dipende uno cosa ci faceva prima e comunque con altro impegno. Io con la Levo facevo girare le gambe ( anche con assistenza bassissima) mentre con la Rise l’impegno è diverso ( più o meno a pari impostazioni) e questo è dovuto alla gestione software del motore. Lo dico perché qualcuno può scrivere che 30nm sono lo stesso dato su qualsiasi ebike ma l’erogazione ed il modo dì applicarli è diverso da motore a motore
 

Pietro.68

Ebiker grandiosus
3 Gennaio 2019
2.319
1.442
113
Veneto
Bici
Levo e Stumpjumper
Ciao. Confermo ma alt. Dipende uno cosa ci faceva prima e comunque con altro impegno. Io con la Levo facevo girare le gambe ( anche con assistenza bassissima) mentre con la Rise l’impegno è diverso ( più o meno a pari impostazioni) e questo è dovuto alla gestione software del motore. Lo dico perché qualcuno può scrivere che 30nm sono lo stesso dato su qualsiasi ebike ma l’erogazione ed il modo dì applicarli è diverso da motore a motore
quindi più o meno impegno???
 

winnie

Ebiker normalus
6 Novembre 2020
60
17
8
60
Livorno
Bici
Yeti SB 5.5
non è proprio così se ti capita di usare turbo con la levo dovrai sopperire con la gamba inoltre tieni presente che sul tecnico devi pedalare in modo diverso sul ripidone non è facile tenere alti gli rpm la levo aiuta da subito e questo fa molta differenza le bike test le hanno tutti i rivenditori orbea basta prenotarla non prenderla senza provarla l'erogazione della potenza è molto diversa
In effetti, non so come vadano le altre ebike, perche questa e ' la prima che prendo, ma quando ti trovi ad affrontare degli "scalini" o dei "denti" e devi alleggerire l'anteriore, o degli strappi molto ripidi dove devi spostare il peso molto avanti, non riesci in entrambe le situazioni a pedalare con un alta frequenza e, se non hai calcolato bene le misure/distanze/tempistiche dell'azione /movimento, quando manca il colpo di pedale anche il supporto del motore viene meno.
Pero' ripeto, non ho idea di come si comportino motori con una tipologia di assistenza diversa, in questi stessi frangenti.
 
Ultima modifica:

wally73

Ebiker velocibus
3 Luglio 2017
396
146
43
48
cesena
Bici
brraaaapppp
provo velocemente a buttare giù 2 righe perchè ormai sono passate più di 2/3 settimane...
La bici mi è stata genbtilmente data in prova da un noto e FORNITISSIMO negozio di Cesena. che ringrazio ancora e consiglio a chi olesse una Rise senza aspettare 6 mesi... la bici era una top di gamma M-TEAM. purtroppo la taglia era una M mentre io avrei ordinato una L. fatto un veloce setup delle spspensioni e montatomi uno stem da 50 al posto del 35 per mettermi un po' meglio in sella porto la bici verso casa. quindi epr provarla sui trail di casa e così da avere sensazioni più vere. unico neo per motivi vari, vacanze ecc... ero un po' giù di allenamento ma poco male...

prima di scrivare dico che Rise a parteho avuto come prima e unica esperienza di ebike una turbolevo expert carobn 2018. bici modificata da me secondo le mie esigenze e gusti e trovandomi molto bene e godendomela molto. venduta per tornare alla sola muscolare perchè ero l'unico con ebike. usata al 90% in eco e il restante in trail. mai finito la batteria e anzi facevo fatica a scendere sotto il 50% nei miei giri abituali. per questo ero alla ricerca di una bici più bici e meno ebici... mi piaceva molto la SL ma le rise la trovo più moderna come concetto e geometria... ero anche curioso di provare un motore shimano...

Il primo giro è stato prettamente trail. per chi conosce la zona di Bologna MONTE MARIO. quasi zero asfalto ma salite sterrate da terra a ghiaia a qualche strappo. poca roba tecnica. discese flow non difficili ma molto carine. giri che si fanno con bici da XC a enduro cambiano le velocità e alcune discese per chi non se la sente... giro da 24 km e 860 di dsl.
parto dal parcheggio dopo aver acceso la bici e mi stupisco della silenziosità. inizia la prima salita e la bici è pesantissima da portare su. continuo a cambiare assistenze e marce ma mi dico... ok queste bici non sono come la levo ma vado più piane che con la muscolare e sto morendo... mi fermo a metà e mi accorgo che la bici era spenta... ok. riaccendo tutto e via... ok già molto meglio...
la prima salita è a pendenza abbastanza costante misto terra e qualche pezzo ciotolato che mette in crisi l'aderenza... motore in eco e vado su. profilo 2 non mi ricordo il settaggio. alla fine della salita c'è un passaggio tecnico con un muretto da scavalcare con vari scalini su roccia con poco grip e 2 linee possibili. provo a salire (con le muscolari la liena migliore non la sbaglio mai) ma con la rise la bici mi slitta di brutto... scendo e la ripeto 2 volte fino a riuscirci. il motore è troppo brusco nel dare la coppia. istantanea e quindi fa perdere aderenza. almeno secondo me...
proseguo la salita fino alla sommità. dove c'è uno spiazzo con dei tavoli. pausa barretta e metto mano al profilo abbassando la curva di coppia almeno nei primi 2 livelli di assistenza... vedremo poi come va...
non mi dilungo oltre sul giro. dico che col motore più dolce di coppia mi son trovato molto meglio anche se mi sono accorto che è molto diverso dalla levo. con la levo mi dovevo sforzare a fare della fatica. con la rise comunque i rapporti vanno usati tutti. il motore aiuta ma non è mai effeto moto che va su da sola. ma era poi questo che cercavo... un aito per i giri lunghi e quando sono fuori allenamento. per girare senza tornare a casa morto...
una cosa che non ho capito e/o che non mi è piaciuta e la lentezza con cui ogni volta che cambiavo qualcosa l'app shimano ci mette a caricarsi sul cell. in questo l'app originale specy era molto più veloce e easy. inoltre mi sembra che ogni vota che facevo dei settaggi diversi dovevo spegnere e riaccendere la bici. mas questo forse era da approfondire in caso di bici mia. non avevo troppo tempo ne studiato a fondo l'app...
dico anche che non mi è piaciuto molto il mini display di serie. il rettangolino non so bene come chiamarlo. in presenza di una forte luce si fa fatica a capire i colori e l'indicazione del consumo batteria è tropp poco significativo. sicuramente avrei ordinato la bici col display shimano. anche se poi ci avrei collegasto i miei garmin. ma se una volta mi dimentico almeno ho tutto sotto controllo lo stesso in maniera chiara.
detto questo, la bici era montata con gomme molto poco adatte secondo me al potenziale della bici. una ardent anteriore e una rekon race posteriore. ottime come scorrevolezza ma soprattutto col secco di settembre poco efficaci in discesa. soprattutto l'anteriore... nella guida la bici mi ha lasciato un po' perplesso. l'ho trovata molto rigida e secca come comportamento. diciamo che nel primo giro praticamente zero problemi. sono tutti percorsi flow e quindi pochi problemi... purtroppo la sera sono rientrato un po' di fretta e ho rimesso la bici in ricarica fin sulla macchina dove ho uscita 220. e mi sono dimenticato di verificare quanta batteria avessi consumato.ma mi sembra il led fosse ancora sul verde. che però ha un range troppo alto per capire il consumo...
secondo giorno e test molto più probante su un giro prettamente AM/Enduro zona MONTE BIBELE. con muri e parti in roccia. parti guidate, parti scassate e un primo trail molto guidato me stretto. pensando la giro che avrei affrontato non misono sentito sicuro della gomma anteriore e ho messo quella della mia Yeti SB130 quindi una magicmary cambiando il disco col 180 della rise. anche io sulla yeti uso dischi e pastiglie galfer. con cui mi trovo molto bene. però anteriore uso il 203... qui c'era il 180.
il giro di 19 km per 750 di dsl parte con una lunga salita in asfalto di 5,5 km circa con una pendenza che varia dall'8 al 5%. qui ho fatto il mio PR. confermo che non si ha mai la sensazione di non pedalare ma il cuoe resta naormale e le gambe non si cuociono. quindi obiettivo raggiunto. qui sono salito sempre in profilo 2 tra trail e boost.
fermato e mangiato e messe le protezioni sono sceso per il primo trail. molto stretto e tortuoso con parti nel bosco e parti esposte su calanco. visto il mio scarso allenamento sono sceso molto cauto. sono andato discretamente piano rispetto ai miei tempi migliorima va bene così. non volevo rischiare ne me ne la bici.
il giro in pratica sono 2 anelli. finito questa prima parte si ripassa per il parcheggio e si sale per la seconda parte. la più enduristica. la salita è mista ghiaia. strada nel bosco e parte con qualche bello strappo che mette a dura prova cuore e gambe. ma anche qui con la rise in modalità boost salgo bene gestendo cuore/gambeb e tecnica. infatti anche qui faccio i miei PR.
raggiungo la vetta della prima dicesa chiamata snake un suseguirsi di curve strette in pendenza non estrema ma che per farla o la si lascia andare e si va molto piano. scelgo la seconda modalità guidando piano ma rilassato e benedico il fatto di aver cambiato la ruota/gomma anteriore. tra pendenza/secco e foglie avere un ateriore sicuro è tanta roba.
poi iniziata la parte veramente enduro sono sincero la bici nella guida non mi entusiasmato. l'ho sentita secca e non a mio agio. probabilmente ha influito il mio scarso allenamento del momento. la taglia dove una L con stem corto sarebbe stata molto meglio. la forcella che secondo me aveva bisogno forse di un service e lo scarso feeling col freno anteriroe dove un disco da 203 è secondo me obbligatorio. sui coinsumi batteria anche qui poco da dire. il led era ancora sul verde. cioè la prima tacca.

quindi ho portato a termine il giro stando attento a non fare danni (cioè a non cadere).
per i miei gusti capirei molto chi porta la forcella a 160. capirei anzi credo obbligatorio il disco da 203. e se si fanno dei giri tosti l'ammo a molla lo vedo molto bene. come detto avrei scelto il display shimano. e un set di gomme adeguato.

per inciso la bici l'avrei anche ordinata ma la settimana dopo dopo una visita dentistica alla figlia maggiore il dentista mi ha sparato una cifra da front come apparecchio. dopo essermi consultato con la moglie (che di solito non mi dice quasi mai niente nelle spese bici) abbiamo deciso quantomeno di rinviare...

nel frattempo mi piacerebbe fare gli stessi 2 giri con una LEVO SL

queste +/- le mie sensazioni anche se è passato un po' di tempo...