News Divieti per coronavirus: come ti comporti?

ivo

Ebiker grandissimus
11 Novembre 2016
1.244
613
113
64
Medolla (MO)
Bici
Canyon Spectral:On 7.0
Il problema è che i pazienti non vengono curati in base alla loro ignoranza o alla loro maleducazione, o alla loro cultura ma solo in base al bisogno. Questa è l'unica maniera per restare umani e colti. Poi invece ci sono le sanzioni, che vanno da piccole a grandi sanzioni. È la democrazia. Bye
 

 

steka

Ebiker velocibus
15 Settembre 2018
412
373
63
Lugo di Vicenza
Bici
Kenevo 2019
beh, comunque, ed è in topic, qui a brescia ieri un bar ha aperto e organizzato una festa



www.quibrescia.it


Brescia, cantano e mangiano al bar: gestori e clienti denunciati - QuiBrescia
Ieri sera gli agenti della Polizia Locale hanno controllato un locale che doveva restare chiuso per il virus.

www.quibrescia.it
www.quibrescia.it




darwin al lavoro....però, siccome non sarebbe giusto che la loro imbecillità debba gravare su persone già in difficoltà, una soluzione l'avrei, visto che c'erano anche parecchi anziani: oltre alla ovvia denuncia, segnalazione agli ospedali e inserimento in una lista che riceverà cure se e soltanto se ci saranno posti liberi, indipendentemente dalla gravità loro o di chi eventualmente dovessero staccare.
E se dovesse arrivare qualcuno che ha bisogno dei loro tubi, fosse anche un moribondo, staccarli immediatamente.

PS e non è nemmeno stato l'unico, almeno una trattoria che hanno preso sempre in città.
Beh, qui nella mia provincia succede anche di peggio!
http://www.vicenzatoday.it/attualita/coronavirus-contagio-fis-montecchio-maggiore-13-marzo.html
Venerdì i casi accertati erano 2, stamattina sono già 6 e non si decidono ancora a bloccare le fabbriche per arrestare il contagio! Altro che restate a casa! Almeno quelli li di Brescia avevano la possibilità di scegliere, questi tale possibilità non ce l' hanno.
http://www.vicenzatoday.it/economia/emergenza-coronavirus-lavoratori-positivi-fis-montecchio-maggiore-sciopero-oggi-16-marzo-2020.html
 

Big Steak One

Ebiker potentibus
19 Luglio 2018
856
269
63
42
Napoli
Bici
Ex Giant Dirt-E+2 - Incoming Turbo Kenevo Expert 2020
Perchè Ivo, questa la sapevi?
 

ivo

Ebiker grandissimus
11 Novembre 2016
1.244
613
113
64
Medolla (MO)
Bici
Canyon Spectral:On 7.0
  • Mi piace
Reactions: Big Steak One

angor

Ebiker velocibus
23 Novembre 2017
324
290
63
brescia
Bici
haibike sduro hardnine 4.0
E chi sei tu per escluderlo?
Eri presente? Sei un affermato virologo?
vedila al contrario: tu, invece, perchè ritieni di poter dubitare delle scelte del governo, dei virologhi e degli stessi sindacati?
se loro non ritengono di fermare le fabbriche, cosa sai tu di più?
 
  • Mi piace
Reactions: AlfreDoss

steka

Ebiker velocibus
15 Settembre 2018
412
373
63
Lugo di Vicenza
Bici
Kenevo 2019
vedila al contrario: tu, invece, perchè ritieni di poter dubitare delle scelte del governo, dei virologhi e degli stessi sindacati?
se loro non ritengono di fermare le fabbriche, cosa sai tu di più?
Io non sono nessuno, ho solo riportato i fatti, sei tu l'esperto a quanto pare.
 

ang6

Ebiker normalus
5 Maggio 2018
56
16
8
50
L'Aquila
Bici
MTB cube
Sono un medico (urologo), oggi primo turno in un reparto Covid 19. Disponibiltà 8 posti letto, riempiti tutti in una giornata. Almeno la metà con età intorno ai 50 ani, il più giovane del 1977. Ovvio, non sono pz critici e speriamo non lo diventino, ma per farvi capire l'entità del problema e che è meglio evitare tutto ciò che non è indispensabile. La speranza è di un ritorno alla normalità nel più breve tempo possibile, anche con le nostre amate "compagne" a due ruote. Un saluto a tutti e teniamo duro
 

angor

Ebiker velocibus
23 Novembre 2017
324
290
63
brescia
Bici
haibike sduro hardnine 4.0
Io non sono nessuno, ho solo riportato i fatti, sei tu l'esperto a quanto pare.
a me sembra che sei tu che continui a ripetere di chiudere le fabbriche, o sbaglio?
io dico che non serve, attenendomi a quello che dico non io, ma governo e sindacati.
 

hawkeye

Ebiker espertibus
26 Gennaio 2018
662
488
63
56
varese
Bici
KTM kopoho macina 2972
purtroppo riesco a seguire poco il forum per ovvi motivi...
da imprenditore capisco la tragedia economica per fermare le aziende, ma da 'umano' spaventato e preoccupato ( e faccio parte di quelli che si erano spaventati presto, e anche derisi inizialmente, è da un mese che la mia vita sociale è quasi zero.....) capisco che dovremmo limitare al minimo indispensabile anche gli spostamenti per lavoro.
E lo dico con una ditta di proprietà, che sta passando problemi economici per la crisi già da molti anni, anche io ho lasciato a casa i ragazzi per un pò, in ferie e chiesto sta benedetta cassa, ma non mi risolve il problema. Oggi un tecnico rientra per darmi una mano, da solo non ce la faccio,
i miei clienti per ora lavorano e devo assisterli, altrimenti perdo commesse e lavoro.
E' una filiera complicata, la soluzione non ce l'ho in tasca nemmeno io, ma la salute è prioritaria.
Se posso fare una pecca grossa al Sistema e noi compresi, è che le mascherine e i DPI non ne abbiamo di scorta, non sono medico ...
ma guardando i paesi orientali, che non è la prima volta che hanno di questi problemi, le mascherine le han sempre portati tutti,
credo che a cascata proteggano, io non infetto te, tu non infetti l'altro e via dicendo, magari poi è solo un aspetto mentale, non so.
Di sicuro noi non le abbiamo...........
Buona giornata a tutti i costretti al lavoro, e cerchiamo di capirci tra noi, non è ingordigia economica, qualcuno lo pensa, purtroppo.
 

angor

Ebiker velocibus
23 Novembre 2017
324
290
63
brescia
Bici
haibike sduro hardnine 4.0
c'è da capire che non è solo una questione economica o di salvare gli interessi di qualche imprenditore....quando sembrava coinvolto solo un focolaio, il governo non ha esitato mezza giornata a bloccare tutte le attività, fabbriche comprese.
Ma oggi, con tutti il paese coinvolto, semplicemente non è possibile.
Diventa un suicidio. Economico e sociale.

Io sono contrario al fermo delle fabbriche perchè è frutto solo ed esclusivamente di quel panico da gregge che arriva quando le persone affrontano improvvisamente una paura dopo averla ignorata fino all'ultimo...ad essere buoni, perchè leggendo certi articoli, l'imrpessione è che invece semplicemente i lavoratori delle fabbriche vogliano prendersi quello che hanno maleinterpretato come un diritto a vacanze straordinarie da parte di quelli attualmente a casa.

La parolina magica oggi è SACRIFICIO.
E' chiesto a chiunque:
agli imprenditori del commercio e del turismo, che hanno le attività bloccate e chissà mai quando ripartiranno
ai lavoratori di quelle attività è chiesto il sacrificio di stare a casa, anzi IN casa, perchè non sono vacanze inaspettate
ai lavoratori della sanità è chiesto il sacrificio di andare al lavoro nonostante la paura e la quasi certezza di essere contagiati in un momento in cui le cure sono difficili per chiunque (un amico infermiere è a casa da 1 settimana, con febbre a 40°...un altro lo è stato settimana scorsa, ma oltre alla febbre anche altri malesseri)...e che non sono ricoverati per non portare via posto a chi è conciato peggio.
agli altri lavoratori del commercio "indispensabile" è chiesto lo stesso sacrificio, solo con un livello di rischio un poco più basso,

Ai lavoratori delle fabbriche viene chiesto di andare al lavoro e affrontare un rischio che esiste, non è da negare, ma che è estremamente più basso.
Certo che sarebbe più bello stare a casina a godersi il divano, mentre ALTRI lavoratori si occupano di continuare a mandare avanti la società e il paese, ma non è ne' giusto, ne' possibile.
 

Hot

Ebiker potentibus
18 Settembre 2016
976
962
93
Prov. MI
Ai lavoratori delle fabbriche viene chiesto di andare al lavoro e affrontare un rischio estremamente più basso.
Ognuno deve fare la sua parte, ovviamente.
Come deve essere ovvio che ai lavoratori in servizio devono essere garantite condizioni di lavoro sane e sicure.
E questo non perchè è una necessità momentanea, ma perchè è un obbligo inalienabile del datore di lavoro.
Che il rischio sia basso, medio o alto può essere definito solo dopo una precisa analisi risk-assessment.

E' quindi necessario riesaminare la valutazione dei rischi che ogni azienda è normalmente obbligata a fare, alla luce della nuova sfida del covid-19, adottando le necessarie cautele e gli accorgimenti per azzerare, o ridurre al massimo, i rischi di contagio.
Sia che si tratti di dispositivi di protezione, sia ripensando le postazioni di lavoro tenendo nella dovuta considerazione le distanze da rispettare; durante il lavoro, ma anche nelle mense e negli spogliatoi.
Inutile sottolineare, spero, che i DPI li deve fornire il datore di lavoro, non deve essere il lavoratore a portarsi da casa mascherine e guanti
 
Ultima modifica:
  • Mi piace
Reactions: steka and sideman

gipipa

Ebiker potentibus
9 Luglio 2017
826
432
63
50
torino
Bici
specialized rockhopper sport, specialized enduro, mondraker kaiser, mondraker factor r, haibike full seven lt 8, haibike dwnhll 8
credo sia il caso di ragionare su alcuni aspetti che stanno passando quasi inosservati
al momento i tanponi vengono effettuati solo sui pazienti più gravi che giungono in ospedale in condizioni che spesso richiedono il ricovero
moltissime altre persone hanno già fatto questa influenza o la stanno facendo adesso con sintomi leggeri, tosse e febbre. e non vengono tamponati. si curano a casa e tipocamente guariscono in alcuni giorni. questa situazione è testimoniata in tutte le zone calde del nord. chi presenta i sintomi di febbre e tosse, ma non gravi, e si rivolge al medico di base riceve le istruzioni di stare a casa e prendere 3 g di aspirina al giorno. idem fanno i p.s. coi casi leggeri.
questa situazione comporta 2 conseguenze. la prima è che tutti i dati statistici sono pesantemente alterati, ciò in quanto la base dei malati veri è enormememnte più alta. ergo la mortalità è molto più bassa.
la seconda è che invitando chi ha sintomi leggeri a stare a casa e a curarsi da solo, si ha che i pochi che peggiorano arrivano poi in ospedale in condizioni ben più serie. il che spiega in parte il numero elevato di oispedalizzati sul totale e i tanti in terapia intensiva. a ciò si deve ovviamente aggiungere il fatto che i colpiti i nforma grave sono spesso anziani con patologie pregrese e equindi soggetti deboli che richiedono assitenza sanitaria intensiva.
la situazione è seria più che altro per il fatto che il sitema sanitario fa fatica a reggere l'onda d'urto dei tanti casi tuti assieme. ma di per se il virus è e resta un'influenza. più pesante e contagiosa. ma non è ebola o la peste.
la stragrande maggioranza di noi la farà, o la sta già facendo, senza conseguenze.
al nord è da inizio anno che girano forme virali, con questi sintomi, che in moltissimi hanno avuto, anche vaccinati, e che non sono state evidenziate se non come generiche forme influenzali/virali.
sono convinto che una campagna di tamponi estesa a campione sulla popolazione mostrerebbe i veri numeri. mentre ora noi vediamo solo la punta, solo i casi gravi. sfugge la base.
per cui credo che certi atteggiamenti da psicosi siano più di danno che di aiuto.